Nasce Sui Generis, network di donne che marcia assieme agli uomini. Parola d’ordine: diversity

fotohome2Sono funzionarie di enti pubblici, imprenditrici, manager. E sono convinte che «soltanto donne e uomini competenti e illuminati, uniti e tra loro solidali, potranno portare fuori il Paese dalle sabbie mobili in cui si è arenato», offrendo contributi concreti per i diritti e per la crescita. È questa la filosofia del network “Sui Generis”, presentato a Roma a fine novembre, che il 16 dicembre celebrerà l’assemblea pubblica. 

Valorizzare le eccellenze femminili
A guidare l’associazione è Donatella Visconti, già presidente di Banca Impresa Lazio, con le vicepresidenti Anna Maria Ciuffa, editrice di Specchio economico, e Daniela Becchini, dirigente della Direzione patrimonio e investimenti dell’Inps. Visconti ha illustrato l’obiettivo ultimo del network: valorizzare le eccellenze, i talenti femminili e l’affermazione dei giovani nel mondo del lavoro. Sono due i tavoli di lavoro avviati: il primo sulla legalità, al quale il questore di Roma Niccolò D’Angelo ha assicurato parteciperà un rappresentante della polizia; il secondo sulla riforma del sindacato. Perché “Sui Generis” intende fare squadra e lobby per avanzare proposte per «disegni di legge improntati al pragmatismo e al buon senso».

La proposta: permettere alle lavoratrici di detrarre l’80% delle spese colf
Un’idea è già sul piatto. A lavorarci è Paola Diana, imprenditrice e presidente di “Sui Generis Giovani”, che racconta: «La mia idea di proposta di legge, che porteremo avanti con una task force “Sui Generis” composta anche da Carla Collicelli, vicedirettore generale Censis, e Gabriella Traversa, revisore fiscale PricewaterhouseCoopers Londra, sarà quella di permettere solo alle donne che lavorano di detrarre l’80% della spesa annua di una professionista che cura la casa, i bambini o gli anziani». Una leva formidabile, assicura Diana, per favorire l’occupazione femminile (in Italia al palo) e dunque la crescita del Pil, evitare alle madri l’abbandono del posto di lavoro dopo la nascita dei figli e incentivare l’emersione del sommerso tra le lavoratrici domestiche. «Sarebbero aiutate proprio le giovani tra i 28 e i 45 anni - afferma l’imprenditrice - che è la più colpita dalla difficoltà di trovare un lavoro e di mantenerlo dopo la maternità».

Il valore della diversity
La parola chiave del network è “diversity”, testimoniata dall’alta partecipazione degli uomini alla presentazione dell’associazione. Tra i relatori Vincenzo Boccia, presidente del comitato credito e finanza di Confindustria, Vincenzo Caputo, vicepresidente dei Giovani imprenditori di Confindustria.

 

 

Link

 ADNKRONOS                                                                                                            CORRIERE DELLA SERA

Anima 10anni 100x100 ANIMA PER IL SOCIALE NEI VALORI D'IMPRESA                                                 FORMICHE

 ANSA                                                                                                                         IL SOLE 24 ORE

 ASFOR ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA FORMAZIONE MANAGERIALE       LA REPUBBLICA

logo radioradicale RADIO RADICALE                                                                                                     SCENARI ECONOMICI

huff post HUFFINGTON POST                                                                                                INTELLIGONEWS                   

 CAMERA DEI DEPUTATI                                                                                                              SENATO DELLA REPUBBLICA

 DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITà                         

Login mobile